11 aprile 2006

Vittoria anche al Senato. Ora governare

Speriamo che da adesso in avanti si cominci a vedere sempre di meno la faccia del Berlusca sui giornali, in tv, in internet. Ha stufato già abbastanza. Abbiamo bisogno di un periodo di disintossicazione.
Ora, grazie al voto degli italiani all'estero, la sinistra ha la maggioranza anche in Senato. Il pericolo di maggioranze diverse nei due rami del Parlamento è stato scongiurato. Ora vi sono le condizioni, come ha detto Prodi, di un governo di sinistra che duri cinque anni.
Niente inciuci e niente concessioni. Le presidenze di Camera e Senato devono essere della sinistra. Come anche le presidenze di tutte le commissioni ed organismi vari devono essere assegnate con i criteri imposti dalla destra nella passata legislatura. Niente buonismi. Occhio per occhio, dente per dente; almeno nella fase iniziale.
Le cose da fare prioritariamente ad inizio legislatura sono tre.
Prima. Approvazione di una legge sul conflitto d'interessi, che tra le altre cose sancisca che chi è proprietario (diretto o camuffato) anche di una sola televisione nazionale non possa diventare presidente del consiglio, come avviene già in tutti gli altri paesi del mondo civile.
Seconda. Cancellazione dell'ultima legge elettorale, quella definita, dagli stessi che la fecero, una porcata. Ritornare alla precedente scaturita anche da un referendum popolare.
Terza. Azzerare la pseudoriforma della scuola targata Moratti. Bisogna ripartire per le riforme dal punto in cui erano state lasciate cinque anni fa dalla sinistra.

10 commenti:

Alkcxy ha detto...

Sì mi sembrano priorità veramente sensate. Anche se io al conflitto di interessi premetterei una legge contro i monopoli, che possa colpire tanto le tre televisioni di Berlusconi, quanto il vergognoso impero di Tronchetti Proveri sulle telecomunicazioni.

beppecavallo ha detto...

Finalmente ci sono i risultati definitivi del voto degli Italiani all'estero che assegnano una maggioranza a favore dell'Unione anche al Senato con 158 seggi contro 156. Grazie ai nostri emigranti che hanno determinato questo risultato assegnando una maggioranza di governo omogenea sia alla Camera che al Senato.

Non mi nascondo le difficoltà che incombono sul nuovo governo. Risulta chiaro invece che finalmente è finito l'incubo da guerra civile e da scontro di civiltà che il centrodestra ha tentato di imporre a questa tornata elettorale. Credo sarà utile correggere immediatamente gli errori più grossolani dell'Unione riscontrati durante la campagna elettorale, come quella sulle tasse di successione, che al di là del limite dal quale iniziare il livello di tassazione, risulta chiaro che ha più il valore simbolico della tassazione proporzionale al reddito di ciascun cittadino, come richiesto dalla Costituzione, piuttosto che la panacea che possa risolvere chissà quali problemi.

Finalmente è finito l'incubo dell'uomo solo al comando che ha usato e abusato della maggioranza, che gli elettori gli avevano pure assegnato nelle precedenti elezioni, unicamente x regolare i propri conti in sospeso con la giustizia. Certo ha fatto anche dell'altro, ma se possibile, con le tanto sbandierate grandi riforme ha fatto più danni di Carlo in Francia - altro che Napoleone - , e ci lascia in eredità una situazione talmente ingarbugliata, legge 30 - scuola - sanità - devoluscion, che richiederà grande calma e gesso x riuscire a ristabilire un livello di confronto civile, senza rischiare di cadere nella tentazione di perpetuere lo scontro di civiltà.

Mi permetto suggerire un primo provvedimento x risolvere il conflitto d'interessi: dare attuazione alle legge del 1957 che inibisce l'eleggibilità a cariche pubbliche a chiunque è titolare di concessioni pubbliche. Pertanto non voglio arrivare a dichiarare ineleggibile alla carica di deputato il sig. Berlusconi, però si può aggiornare il dispositivo del 57 inibendo l'elezione a cariche direttive quali capogruppo o componente di commissione parlamentare, credo sufficiente riconoscergli il solo diritto di semplice deputato.
Ciao, buona notte, Beppe

insolitacommedia ha detto...

berlusca è vivo e vegeto. Non è ancora finita. Non può finire finché non sarà sconfitto del tutto.

Tisbe ha detto...

Mi sa che adesso ci vuole un "in bocca al lupo" Ciao Rocco buona giornata

giotea ha detto...

in bocca al lupo!
(ironia)

susan ha detto...

si sbrigassero a ricontarle ste schede incerte...

Anonimo ha detto...

OK... Occhio per occhio, dente per dente: vorrà dire che adesso inizieremo anche noi a scendere in piazza a sfasciare vetrine!

P.S.: La precedente legge elettorale non è scaturita da un referendum popolare.

roccobiondi ha detto...

x l'anonimo. Non ho capito bene chi intendi quando dici "noi". Suppongo gli amici di Berlusconi, che purtroppo sono ancora molti in Italia. Comunque che voi diventiate fracassatori non è una novità. E' opinione comune che i recenti fracassatori italiani hanno fatto solo ed esclusivamente il gioco di Berlusconi e della destra.

Anonimo ha detto...

Fai sempre delle analisi obiettive, vedo...
Quei fracassatori avranno fatto il gioco di berlusconi e della destra ma stanno indiscutibilmente dalla vostra parte, da genova a milano!

Anonimo ha detto...

Great work!
My homepage | Please visit