30 aprile 2006

1° Maggio: diritto democratico al fischio

«Rivendichiamo il diritto democratico al fischio come espressione popolare di dissenso. Loro hanno le televisioni, e noi abbiamo il fischio. Proponiamo di partecipare al primo maggio dotati di un fischietto, dato che i più si sono dimenticati come lo si fa con due dita. Proponiamo di fischiare per tutto il corteo, instancabilmente, in segno di contestazione pacifica e non violenta nei confronti della Ministra Moratti».
E' il proclama che l'associazione Retescuole lancia per il corteo del Primo Maggio a Milano. Dove pare parteciperà l'ancora per un giorno ministro dell'Istruzione, nonché candidata a Sindaco di Milano. Una signora che in questi anni di governo della scuola pubblica ha ignorato le richieste, le proposte, i desideri, le proteste di centinaia di migliaia di docenti, studenti e genitori. Non ha mai partecipato ad un corteo del primo maggio, giornata dei lavoratori, lei che ne ha eliminati dalle scuole decine di migliaia.
Il candidato dell'Unione a Milano, Bruno Ferrante, ha detto: «Non ho mai visto i padroni sfilare con i lavoratori. Il Primo Maggio deve sfilare chi si riconosce nei valori della festa dei lavoratori, come il 25 aprile deve sfilare chi si riconosce nei valori dell'antifascismo. Chi ha una visione della vita diversa e ha vissuto una vita più dall'altra parte non è del tutto legittimato a manifestare».
Vi ricordate i fischi alla Moratti per la partecipazione al corteo del 25 aprile spingendo la carrozzella di suo padre? E' recidiva. Sarà subissata dai fischi.
Niente di meglio, per festeggiare il 1° Maggio, dell'elezione per Camera e Senato di due presidenti ex sindacalisti. E' una clamorosa lezione, un bello schiaffo, per Berlusconi e soci di destra. Aveva detto che gli operai sono inferiori ai professionisti. Bravissimo Bertinotti quando a caldo, subito dopo la sua elezione a presidente della Camera dei deputati, ha detto: «Dedico l'elezione alle operaie e agli operai». E subito dopo nel suo discorso di investitura: «Questa legislatura nasce tra il 25 aprile e il primo maggio, due date importanti per la nostra storia». Facendo incazzare Fini.
Viva il Primo Maggio! Viva i lavoratori!

Primo maggio con i fischi(etti)
Primo Maggio, da Locri al Concertone: pace e legalità
primo maggio 2006

4 commenti:

il Blog della Domenica ha detto...

Ferrante ha detto una bella cazzata. mi sa proprio che queste elezioni sta facendo di tutto per perderle, con l'aiuto delle squadriglie di fischiettai organizzati.

bdd

franceschito ha detto...

Ferrante invece ha dimostrato di essere il candidato del centro-sinistra. Fino a ieri l'altro non se n'era accorto nessuno.
La Moratti è pietosa: sembra che parteciperà al corteo con uno zio che, durante la guerra, lavorò per una settimana al servizio dei nazifascisti. Massacriamola di fischi.

blacksail ha detto...

Voleva i fischi, li ha ottenuti, addesso pianga un altra settimana.
Stessa sorte per Buttiglione a Torino.

Le piazze non sono la tv dove si possono fare comizi senza interlocutori: Libero Fischio in libero Stato.

Alex Blog - Prove tecniche di trasmissione ha detto...

Scusate ma mi sono perso qualcosa o per ora a milano è sindaco uno di centrodestra e al governo berlusconi ancora NON ha dato le dimissioni??.. leggete qui...

Il coordinatore di Forza Italia, Sandro Bondi, commenta le contestazioni contro Letizia Moratti: "Quando chi governa impedisce agli avversari politici di prendere parte a una celebrazione come quella del 1 maggio, vuol dire che siamo a un passo da un vero e proprio regime che cerca di imporre le proprie regole arbitrarie e intimidatorie al resto della società".