29 marzo 2006

Così parlò un ........

«Io sono assolutamente sereno e soddisfatto di silvio berlusconi presidente del consiglio, così come sono orgoglioso di Silvio Berlusconi imprenditore che ha costruito belle cose in Italia, come sono orgoglioso di Silvio Berlusconi presidente di calcio».
Sapete chi è quel coglione che ha detto queste cose? Silvio Berlusconi medesimo. Le ha dette nella conferenza stampa di oggi a Palazzo Chigi. Siccome nessuno più, salvo Bonaiuti e Bondi, tesse le lodi sperticate del capo, se le tesse lui stesso.
Già a margine della riunione del Ppe aveva detto: «Mi stupisco di quanti provvedimenti abbiamo fatto»... Nella stessa occasione aveva sferrato un altro duro attacco contro i giornali italiani, in modo particolare contro il Corriere della Sera e l'Unità, rei di aver parlato con gli stessi toni della sua gaffe contro la Cina, a proposito dei "bambini bolliti". Entrambi i quotidiani titolavano infatti: “Bambini bolliti, Cina contro Berlusconi”. E il Cavaliere li mostra a riprova non della sua gaffe ma per dimostrare che c’è un complotto contro di lui. Gli sfugge che non di complotto si tratta, ma di prese di posizioni consapevoli, contro le sue malefatte. Persino quelli del suo ambiente, gli imprenditori, gli hanno voltato le spalle.
E a proposito dei "bambini bolliti" il presidente Ciampi dalla Germania derubrica Berlusconi a fatto transeunte: «Lasciamo stare polemiche legate a fatti transeunti dell'Italia», ha detto Ciampi, in riferimento ai rapporti con Pechino. «Italia ed Europa - ha aggiunto - devono intensificare la loro presenza in Cina come in India».

Berlusconi, nuovo show contro l'Unità. E «la sinistra che aumenta le tasse»
Ciampi e la Cina: "Polemiche italiane" - Berlusconi precisa, Prodi attacca

8 commenti:

insolitacommedia ha detto...

Speriamo che transeunga presto.

Ha già "unto" abbastanza.
:-)

Rita ha detto...

Rocco carissimo, mi spiace ma devo farti un appunto, per il mio patologico amore della lingua italiana. Hai fatto un paio di errori da matita Rossa: silvio berlusconi è un nome comune di cosa e si scrive, sempre, minuscolo, mentre nel caso in questione Coglione va maiuscolo in quanto nome proprio della stessa cosa.
:-)
R.

Ed ha detto...

Ma lasciamolo stare, non vedo l'ora di essere al nove aprile, almeno ci provo a toglierlo di torno.

Undine ha detto...

Epperò grazie a queste sue esternazioni da self made man alla frutta, scopro in me una certa ambiguità: da una parte il desiderio di sedermi su una poltrona e godermi le sue boutade, dall'altra prendere L'Unità e fargliela ingoiare, così si toglie il vezzo di parlare di sé stesso alla terza persona.

Quanto manca?

Undine ha detto...

boutades, ops!

roccobiondi ha detto...

x Rita. Chiedo venia per l'errore da matita Rossa. So molto bene che la parola berlusconi si scrive con la lettera minuscola ed in effetti così l'ho scritta la prima volta nella mia citazione. Non può essere diversamente per un termine che il Grande Battaglia fa derivare da una voce lombardo-veneta, che significa strabico, lui infatti vede comunisti da tutte le parti. Il problema è che quando scrivo quel nome voglio che a chi legge non sfugga e per questo lo scrivo maiuscolo. Potrei usure delle varianti. Scrivere silvio minuscolo e Berlusconi Maiuscolo, oppure Silvio Maiuscolo e berlusconi minuscolo, oppure tutto minuscolo ma in corsivo o in grassetto, oppure scrivere semplicemente SB o sb. Come vedi le varianti sono tante. Sto valutando quale sia la migliore soluzione. Credo però che non ne verrò a capo prima del 10 aprile, quando mi auguro potrò risolvere definitivamente il problema cancellando completamente dal mio vocabolario quel nome. Ci saranno infinite cose più interessanti su cui scrivere.

Rabbi' ha detto...

ma la cosa dei bambini e' vera o no?

Forse Dovrei ha detto...

@ rabbi': visto che nel tuo blog ( http://rabbiabarcelona.blogspot.com/ )
mi hai bannato, in questa sede commento il tuo post anche perchè è strettamente attinente:
Dimostrami - inconfutabilmente - un solo caso in in cui un comunista abbia mangiato, o bollito o arrecato male ad un bambino ed io smetterò di essere un aspirante comunista. Se non sarai capace di farlo ti consiglio di rifugiarti nella tua fogna.
Io, invece sono in grado di dimostrarti quanti tuoi camerati hanno sparato a bambini innocenti sia in Jugoslavia che in Grecia ed in Albania.
Senza dovermi soffermare sui tuoi compari preti pedofili.