24 giugno 2006

Contro gli intolleranti votiamo NO

Contro l'ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, che qualche giorno fa annunciava che avrebbe votato "NO" nel referendum sulla devolution, si è scatenata la canea della destra italiana.
Sandro Bondi ha pontificato che «in Italia non ci sono più istituzioni o personalità indipendenti e di garanzia». Né tanto meno lo è lui, che rappresenta il prototipo del voltagabbana asservito.
Ignazio La Russa sentenzia: «L'ex capo dello Stato perde un po' quel ruolo di riferimento per tutti gli italiani che aveva prima, per diventare un parlamentare qualsiasi». E' risaputo che La Russa è meno di un parlamentare qualsiasi.
Maurizio Gasparri include Ciampi nella razza dannata dei «restauratori, lottizzatori e moltiplicatori di poltrone». Lui, Gasparri, parla senza dire mai niente.
Ma tutti questi signori sono dei sottoprodotti rispetto al Berlusca, che ha bollato tutti noi che voteremo "NO" come italiani indegni. Nei fatti però mentre noi siamo degli uomini indegni virtuali, lui è il più grande uomo indegno reale.
Per vendicarci di questi uomini intolleranti, che hanno ammorbato l'Italia, e dar loro la lezione che si meritano, non ci resta che recarci in massa, domani e dopodomani, alle urne e votare un chiaro "NO" alle loro manovre per distruggere la Costituzione italiana.
La nostra Costituzione, che ha solo 60 anni, è ancora viva e vegeta. Loro, in un solo anno, l'hanno voluta affossare cambiando 50 articoli. La Costituzione degli Stati Uniti, che ha 220 anni (vige dal 1787), come ha ricordato il politologo Giovanni Sartori, ha subito durante la sua lunga vita solamente 27 (ventisette) emendamenti, molti dei quali secondari.
Contro questi "attacchi indecenti", che mostrano «mancanza di rispetto per la democrazia», noi votiamo "NO".

18 commenti:

attila ha detto...

La nostra costituzione è bellissima, modello di molte altre e invidiataci da mezza europa. Dobbiamo "stringerci a coorte" e difenderla votando NO.
Le parole degli esponenti della destra, ormai, lasciano il tempo che trovano. Noi abbiamo la ragione dalla nostra... e anche Ciampi!

Anonimo ha detto...

Aggiungo le tue motivazioni alle mie e voterò un NO straconvinto!
Zadig

Kristen ha detto...

Anche io mi unisco a voi, e voterò NO !!

Forse Dovrei ha detto...

saluti da un "indegno".
;)

raffaelegreco ha detto...

Sono stato il primo votante del mio seggio stamani. Ho votato NO, per salvare una delle migliori costituzioni che il mondo conosca e che, invece di essere stravolta, merita di essere applicata concretamente in ogni sua parte.

ALE ha detto...

Ma per favore!! Siete dei patetici coglioni!!
La Costituzione è, come tutte le leggi, fatta per essere modificata, adattandola ai tempi!! E per questo votiamo tutti insieme SI!!Chi ha a cuore l'Italia non può non votare SI!!!

ANDREA ha detto...

QUANTE IDIOZIE!! LA NOSTRA COSTITUZIONE E'VERGOGNOSAMENTE ILLIBERALE, DI SINISTRA, FRUTTO DELL'ESPERIENZA FASCISTA, E COME TALE DEVE ESSERE CAMBIATA, PER RENDERLA LIBERALE!!!
VOTIAMO SI!! CONTRO IL COMUNISMO, CONTRO LA SINITRA, PER BERLUSCONI E PER L'ITALIA CHE VERRA'!!!

giuseppe ha detto...

sono appena andato a votare si alla riforma di Berlusconi. Ke soddisfazione partecipare in prima persona alla riforma di questa Costituzione protetta da Sinistri personaggi e dal reparto di Geriatria del Senato. Viva l'italia. Un azzurro

Alkcxy ha detto...

Chissà perché la gente di destra in italia si riconosce subito per l'uso disinvolto di termini offensivi ("ale"), l'uso inappropriato di tutte maiuscole, contravvenendo a qualsiasi basilare netiquette, e con l'uso improprio delle k al posto del ch o delle c. Che dopo la costituzione vogliano riformare selvaggiamente anche l'italiano? In fondo anche la nostra lingua è vecchia....

A tutte queste persone che pensano solo a riformare gli altri e mai se stessi, dico che sono andato a votare un no deciso. Per mantenere una costituzione solida e garante dei nostri diritti. E affinché, se modifiche ci debbano essere, che siano condivise e che non coinvolgano un terzo della carta costituzionale.

Alessio

giuseppe ha detto...

Bravo alessio, ma consenti agli altri di essere liberi di scrivere come gli pare, o forse siccome sono di centro destra mi devo sentire vincolato in virtù di non so quali costrizioni a scrivere come la maggiorparte degli italiani?. Lo immagini cosa sarebbe successo se Picasso avesse disegnato come la maggiorparte dei pittori? non avremmo avuto evoluzione culturale.......meditate gente......ormai è divenuto tutto un processo alle intenzioni. Un azzurro

Anonimo ha detto...

Ore 20.45: Referendum perduto, Del Piero imbarazzante, e cosa si vuole di più? . un lucano......

roccobiondi ha detto...

x l'ultimo anonimo. Ma tu per conto di chi parli? Che ci fai in questo blog? Il Referendum l'abbiamo stravinto e Del Piero non mi è dispiaciuto.

giuseppe ha detto...

Ke bella soddisfazione dovrebbe essere stravincere un referendum, io ke ho votato "si" vedo le facce soddisfatte dei vari Scalfaro, Ciampi, Rita Levi Montalcini , etc. etc. così discorrendo ed un brivido mi percorre la skiena. Ma poi mi faccio coraggio, sarà questione d'un paio d'anni e queste degne persone, questi difensori della costituzione ke brandendo or ora un flebo al suono delle dentiere toglieranno il disturbo. Nulla contro gli anziani per carità, ma si sa niente è più conservatore di un ultraottantenne attempato impegnato politicamente. Alla faccia dei progressisti di sinistra ke hanno in loro i loro campioni. La costituzione rimanga com'è lo ha deciso il popolo sovrano, ma "l'onniscente" faccia giustizia..............., ridìa alla sinistra lo spirito progressista, ridìa alla sinistra la vivacità culturale perduta, ridìa alla sinistra la serenità delle rivoluzioni.......quelle culturali, ridìa all'Italia il coraggio...........o la "Forza"... Un azzurro

Alkcxy ha detto...

Certo che paragonarsi a Picasso... è proprio dei seguagi di Berlusconi... mettere le kappa dove non ci vanno non è proprio di un novello artista della parola, è da ignoranti fighetti. E le idee politiche non c'entrano nulla. Ovviamente, imho, essere di destra berlusconoide, peggiore la tua situazione, ma questo è un altro discorso. Essere di sinistra per quel che mi riguarda, non dà la licenza di scrivere sgrammaticalmente.

giuseppe ha detto...

x alessio. Fischi per fiaschi come al solito. non volevo minimamente paragonarmi a picasso. Comunque hai detto "imho"??? ......alla Attila....flagello di ........
Forse qualcosa si può salvare.

Alkcxy ha detto...

Se non sai cosa vuol dire imho, puoi sempre STFW. Chiaro, no?

giuseppe ha detto...

no assolutamente no....

Alkcxy ha detto...

Ecco, se non ti sono chiari questi acronimi nati su internet e largamente usati da chi ha una certa esperienza (per inciso, io non li uso praticamente mai), se addirittura possono apparirti fastidiosi, figurati quanto odiose possono risultare le kappa. Anche perché i primi hanno come motivo d'esistere il fatto che abbrevino una espressione, anzi una frase altrimenti molto lunga. Invece le kappa non abbreviano proprio nulla. A meno che tu non chiami risparmio eliminare una "h" ogni mille parole. Ma ora basta perché siamo palesemente off-topic (o anche OT :p).
Per concludere, sul mio blog ci sono un paio di commenti di risposta al tuo riguardante la vittoria dei no al referendum e la tua paura che il sud resti quel che è... Se ti va mi trovi lì, ciao.